Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘no-gelmini’

logo-pam-supermercati-modificato

A Torino iniziative nei supermercati e alla Feltrinelli

Sono le 16, le vie del centro di Torino sono stracolme di persone. Va in scena lo struscio pre natalizio. C’è chi compra, chi entra nei negozi e ne esce senza sacchetti e chi guarda solamente le vetrine, tutti in rigorosa fila indiana, immersi in quel lungo serpentone che si snoda per le centrali via Roma, via Po e piazza Castello. Sembra tutto nella norma, ma non lo è. C’è qualcosa che disturba questa scena “idilliaca”. Una musica molto forte si incunea nel vociare degli amanti dello shopping. «Cos’è sto casino?» si chiedono in molti. Sono i ragazzi dell’Onda. Liceali ed universitari si sono dati appuntamento davanti alla libreria Feltrinelli per continuare la protesta, iniziata in settimana, contro la mercificazione della cultura, le politiche di copyright e il caro-libri. “Contro la crisi autoriduzione” è la scritta che capeggia sul banchetto allestito all’esterno della libreria, sul quale sono stati riversati centinaia di libri usati, provenienti dalle biblioteche dei ragazzi, offerti in omaggio ai passanti. Passanti che, all’inizio un po’ intimoriti da questa iniziativa che ha scombussolato la monotonia del sabato prima di natale, hanno usufruito in buon numero di questo “servizio”. Anche, e soprattutto, quando sul banchetto sono stati rovesciati alcuni scatoloni di libri fuori catalogo ottenuti dopo un lento, ma fruttuoso, “lavoro ai fianchi” della direzione della libreria, da parte degli studenti.

«In un paese sempre più colpito dalla crisi economica prodotta dai banchieri e dagli imprenditori, così come dai governi di destra e di sinistra degli ultimi anni – hanno affermato in un comunicato – gli studenti precari hanno deciso di riprendersi una parte di quella ricchezza intellettuale che contribuiscono ogni giorno a produrre, ma della quale vengono quotidianamente espropriati. Il costo sempre più scandaloso dei libri di testo e delle opere scientifiche e letterarie impedisce ai giovani e ai precari di accedere a un sapere indispensabile per la formazione culturale di tutte e tutti. Anche regalare un libro, per queste vacanze, risulta per molti difficoltoso: i prezzi si aggirano su una media dei 30 euro, un costo proibitivo per la generazione degli 800 euro al mese». Questa iniziativa si lega a quella portata avanti, sempre dagli studenti dell’Assemblea No – Gelmini, martedì scorso, e si inserisce nella battaglia a favore di un sapere libero. Dopo un presidio sotto la Siae, in serata gli studenti si sono diretti verso il cinema Greenwich, in via Po, e lì, mettendo in pratica l’autoriduzione, hanno potuto godere gratuitamente di tre spettacoli cinematografici, permettendo anche ai passanti e a chi fosse interessato di prendere parte agli spettacoli.

Una settimana quindi di autoriduzioni e di lotta per sopravvivere alla crisi, quella che è andata in scena a Torino durante lo shopping natalizio. Una settimana che ha avuto, forse, il suo apice, nel tardo pomeriggio di sabato quando, un gruppo di una decina di persone, travestite da babbo natale, sono entrate in un supermercato della periferia torinese e lì, dopo aver riempito i carrelli di generi alimentari e di prima necessità, sono usciti senza pagare e si sono messi a distribuire i prodotti ai passanti e agli avventori. Hanno poi lasciato dei volantini, non firmati, con scritto “Ma quale caro vita?Il cibo c’è, basta andarselo a prendere”. Un’iniziativa quasi “hollywoodiana”, che può strappare un sorriso, ma che fa riflettere, insieme alle altre iniziative di questi giorni, sulla situazione nella quale si trovano a vivere sempre più famiglie italiane, senza soldi per potersi comprare da mangiare e per togliersi lo sfizio di un libro. Non è stata solo Torino però a vivere un week-end pre natalizio, diciamo, un po’ movimentato. Anche a Bologna, e più precisamente a Casalecchio di Reno, un centinaio di attivisti del TpO, dopo aver fatto la spesa al supermercato Esselunga, ha preteso lo sconto del 25% sui prodotti in vendita. La richiesta non è stata accettata dalla direzione del supermercato che, anzi ha pensato bene di chiudere il negozio. Gli attivisti sono quindi usciti dal punto vendita e hanno attraversato il centro commerciale in corteo scandendo slogans quali «Noi la crisi non la paghiamo!» e «Prima di tutto, Natale per Tutti».

Un insieme di iniziative, compiute si da attori diversi, ma che hanno in comune il desiderio di far aprire gli occhi, soprattutto in un periodo come quello natalizio dove lo shopping va per la maggiore e tutti mettono in mostra i loro buoni sentimenti, sulla difficile situazione di giovani, precari, famiglie e anziani che sempre più difficilmente devono fare a meno, non solo più oramai di piccoli svaghi e piaceri, ma di beni di prima necessità.

Tomaso Clavarino

Il Manifesto 23/12/2008


Annunci

Read Full Post »

 

 

Stamattina il Governo ha riferito in aula in merito agli scontri dell’altro giorno in piazza Navona. Il sottosegretario Nitto Palma ha così ricostruito i fatti:”Quelli del Blocco Studentesco, raggruppati intorno al camioncino ed invitati più volte ad allontanarsi dalla piazza dalle forze di polizia – ha spiegato Nitto Palma – avevano iniziato a spostarsi portandosi verso piazza delle Cinque Lune con l’intenzione di andare verso il ministero della Pubblica istruzione. Ma arrivati nella piazza il gruppo ha deciso di fermarsi».
Nel frattempo, ha riferito, «da Corso Vittorio sono giunti circa 400-500 persone appartenenti a collettivi universitari ed alla sinistra antagonista che si sono uniti agli altri studenti. Alcuni indossavano caschi di motociclista e, invece di attestarsi nella piazza a manifestare, si sono fatti largo tra i ragazzi e, arrivati all’altezza di piazza delle Cinque Lune si sono dapprima schierati urlando slogan contro i fascisti e poi hanno iniziato un fitto lancio di oggetti, sedie e tavolini prelevati dai bar della piazza». Alcuni esponenti del Blocco, ha continuato il sottosegretario, «ma in numero molto minore, si sono schierati ed hanno preso bastoni dal camioncino, mentre i ragazzi dei Collettivi sono avanzati venendo a contatto. Le forze dell’ordine hanno quindi separato i contendenti».

La mistificazione della realtà da parte di questo Governo sta toccando livelli impensabili. Gli insegnanti che hanno visto i loro alunni sprangati dai “neri” si sono inventati tutto? Sono anch’essi pericolosi esponenti della sinistra antagonista? I racconti di giornalisti, presenti in piazza in quei momenti, come Curzio Maltese, sono fantasticherie? I video circolati su internete e le foto degli scontri e dei momenti precedenti, sono stati fatti da terroristi rossi?

A sentire gli esponenti del governo parrebbe di si. I fatti tuttavia contraddicono di netto le parole del sottosegretario e la sua riconstruzioned dei fatti. Sembra davvero che il governo pensi di poter prendere in giro su qualsiasi cosa tutti gli italiani. Forse pensa che davvero tutti gli italiani siano del calibro di quelli ceh vengono mandati a La Talpa, ma non è così. La gente si sta accorgendo, purtroppo in ritardo, di chi ha mandato a Palazzo Chigi. Persone che non consocono regole, che pensano di essere al di sopra di qualunque dettame costituzionale, che credono di poter rigirare i fatti e la realtà a loro uso e consumo, perchè convinti di avere a che fare con veline e calciatori. Si sbagliano.

Per tornare agli scontri di piazza Navona e all’informativa del governo, non stiamo a dilungarci troppo. Gli italiani hanno visto i filmati, le foto, hanno letto i racconti e seguito le interviste, sanno come davvero sono andati i fatti. C’è solo una uqestione da approfondire. Il comportamento della polizia.

Ieri sera, durante la trasmissione di Santoro, si è potuto notare, in un fimato sugli scontri, come un poliziotto chiamasse per nome, Francesco se non erro, uno dei capetti del Blocco Studentesco. Un indizio in più, questo, per sostenere la tesi della connivenza delle forze dell’ordine, e del governo, con questi picchiatori neri da quattrosoldi. Il fatto di essere intervenuti in ritardo, di aver lasciato arrivare in piazza Navona un camion pieno di spranghe e bastoni appartenente ai giovani di destra, il chiamare per nome, con confidenza, questi stessi giovani, beh se questi non sono segnali di una connivenza…ditemi voi cosa sono!

Il governo l’ha detto… e tutti noi ci siamo messi a ridere…per disperazione!

Read Full Post »

oggi a Torino in corteo 150.000 persone

 

Come tutti dovrebbero sapere, e come pochi (purtroppo) sanno, la Legge 137 approvata ieri mattina al Senato, e ribattezzata Legge Gelmini dal nome del Ministro all’Istruzione, poco ha a che vedere con l’università: si tratta in effetti di una riforma delle scuole primarie. Riformare la scuola primaria in Italia è inutile, visto il livello di eccellenza che quel tipo di istruzione ricopre in Europa; e certamente i provvedimenti adottati dal Ministro sono poco efficaci (in effetti non sono veri e propri provvedimenti) per contrastare i mali della scuola pubblica itaiana: bullismo, scarsa educazione relazionale ed emotiva eccetera.

Detto questo, resta il punto fermo che la Legge 137 non riguarda l’università.

(Ed è per questo, sia detto tra parentesi, che l’interessante iniziativa del referendum proposta da PD e IDV è del tutto inutile per salvare la ricerca e l’università in Italia.)

A riguardare l’università è invece la legge finanziaria (Legge 133), che tra le altre cose prevede il famoso taglio di 8 miliardi di euro agli atenei, e che è stata approvata dalle Camere a giugno: una legge terribile per studenti, professori e ricercatori, che asciuga, è proprio il caso di dire, le tasche già inaridite della cultura e dell’accademia italiana.

Preso atto di quanto detto, il vortice di accuse scatenato dalla maggioranza nei giorni di discussione della Legge 137 (“gli studenti sono facinorosi”, e peggio: “gli studenti sono pedine inconsapevoli manipolate dalla sinistra”) non è soltanto una vergogna in un Paese civile, in cui si presume che il Governo governi ascoltando le richieste della cittadinanza, ma è anche decisamente pericoloso.

Non mi sembra in efetti essenziale la contraddizione, sottolineata da Berlusconi e soci, per cui studenti e professori universitari si mobilitano occupando gli atenei per protesta contro una legge che non li riguarda. Poco importa, mi pare, che la protesta si sia sviluppata nei confronti della Legge 137 e non nei confronti di altre leggi approvate per direttissima dall’attuale maggioranza, molto più gravi dal punto di vista di una corretta amministrazione democratica dello Stato (come, per fare un esempio, il Lodo Alfano).

E’ indubbiamente vero che la Legge Gelmini non riguarda l’università, e che forse gli studenti avrebbero dovto scendere in piazza già a giugno quando fu approvata la finanziaria. Ma questo cosa dovrebbe provare? Che gli studenti non sanno quello che fanno? Che sono marionette nelle mani di vetero-marxisti del calibro di Veltroni o Di Pietro?

(L’affermazione, se non l’avessimo sentita pronunciare dal Presidente del Consiglio, farebbe ridere per il suo carattere di grottesco surrealismo.)

Decisamente non concordo. Semplicemente l’approvazione della 137 è stato il momento adatto per creare un movimento ampio, molto condiviso, di protesta contro questo Governo e la sua maniera anarchica, fondamentalmente anti-democratica di governare il Paese. Contestare una finanziaria, si sa, è più difficile, soprattutto per il carattere altamente tecnico della discussione parlamentare (è una manovra economica, difficilmente comunicabile alle masse); la Legge Gelmini andrebbe quindi vista come un simbolo più ampio di dissenso e insofferenza per l’erosione della democrazia in Italia operata da Berlusconi e dal suo Governo; un simbolo, in questo senso, di grande importanza politica e sociale.

Oggi, a Torino, a sfilare per il centrocittà eravamo in moltissimi (gli organizzatori dicevano 150.000, attendo questa sera la smentita della maggioranza). Ancora più importante, provenivamo tutti da contesti sociali, politici e culturali molto differenti: c’era l’università, certo, ma anche i licei (il vero grande blocco della manifestazione), i maestri elementari come quelli superiori, i professori universitari, i sindacati della scuola, i centri sociali, i ricercatori precari, gli assegnisti, i semplici cittadini che non vogliono un figlio con il grembiule o un figlio italiano separato da un figlio di immigrati.

Quello di oggi è stato un bel corteo, variegato e molto vitale, pacifco e, soprattutto, unitario. I governi Berlusconi, mi verrbbe da dire, sono la miglior medicina contro le contraddizioni e le lotte intestine della sinistra: racncori colitivati per anni che magicamente, di fronte al ritorno del nemico, si appianano nella costruzione di un nuovo corpo sociale, multiforme ma omogeneo.

L’aspetto di unitarietà e complessità delle forze in campo questa mattina mi sembra il punto più importante che questo movimento ha finora sottolineato, la direzione più interessante che esso portrà prendere nei mesi futuri.

Condivido appieno il timore e insieme la speranza espressi dal professor Gianni Vattimo nella lezione tenuta il 28 ottobre in Piazza Vittorio: che questo movimento non si fermi ora, che non si arrenda di fronte all’evidenza (all’approvazione della Legge al Senato) e non si disintegri di fronte all’oblio mediatico che nautralmente arriverà (quando? domani? la settimana prossima?); che continui per i prossimi mesi e i prossimi anni, che incorpori nelle sue viscere caleidoscopiche altri movimenti che nasceranno da altri disagi (il precariato, la disoccupazione, il razzismo e via così); che continui come è stato oggi, partecipato, vissuto, unitario, capace di permettere espressioni inedite di democrazia (per esempio oggi sfilava anche il politecnico, ateneo, si sa, molto difficile alla mobilitazione politica, almeno a Torino) e di lasciare da parte gli scontri interni e le fratture che straziano da anni il tessuto sociale della sinistra in Italia.

Di fronte ad un Governo che utilizza la pratica della delegittimazione con tanta sicurezza, che govera per decreti, che fa (diciamocelo pure) tutto quello che gli pare e piace (e che ha, tra l’altro, i numeri per farlo) questa mi sembra l’unica risposta pacifica possibile conessa dal momento politico: la piazza, da tanto tempo scordata, la lotta unitaria e continuativa.

 

Gianluca Didino

Read Full Post »